Ma te lo immagini un gay genitore?

furmiga

[Ritorno dopo una sosta durata un bel po’ di mesi. Non ve ne siete neanche accorti, vero?]

Se c’è una cosa che fatico a capire, è questa prolungata discussione sui diritti degli omosessuali e sull’argomento matrimonio & adozione che li riguarda.

La stranezza che condisce l’argomento è data dal fatto che a favore dell’una e dell’altra parte (favorevoli e contrari) si schierano persone di ogni estrazione sociale e culturale.

Lettore: “Mò fai il solito statistico dei miei cojoni”

Ciambelle: “E dire che la statistica è stata la materia dove mi hanno bocciato più volte” (5 volte, statisticamente un record)

Mi sono documentato: dopo aver letto Lercio.it, qualche libro di Zerocalcare e la pagina facebook di Barbara D’Urso, adesso sento di avere le basi solide per affrontare un tema che in molti dichiarano “spinoso e conflittuale”.153337994-bf28e1d0-cfd9-474b-8d1a-2115a70c32c3

Il set di domande è sempre lo stesso:

E’ GIUSTO CHE GLI OMOSESSUALI POSSANO SPOSARSI?

E’ GIUSTO CHE GLI OMOSESSUALI POSSANO AVERE FIGLI?

FORMIGONI E’ GAY?

Intellettualmente parlando, trovo poco interessante il fronte del SI.

Adesso che ho utilizzato la parola “Intellettualmente”, la mia credibilità è pari a qualunque discorso di Renzi in lingua inglese. 

Argomentiamo il NO: ecco a voi i profili di chi si oppone all’idea di estendere questi diritti.

IL SOCIOLOGO

family-day

Ovviamente non ha nessuna laurea in sociologia. Il sociologo pensa al bene della società: la società è fatta di famiglie, quindi introdurre una novità così strana nel concetto di famiglia, crea scompensi.

Il sociologo legge il Foglio di Giuliano Ferrara, è anti-aborzionista, si ostina a mettere le palle multicolore nell’albero di Natale nonostante siano obiettivamente anni 80, è politicamente moderato, ricorda con emozione le puntate de Il Medico in Famiglia e ha sempre stimato Andrea di Beverly Hills 90210.

Il sociologo non lo smuovi: la famiglia è il capisaldo della società, bisogna tutelarla. Nel suo curriculum, tanti applausi al Family Day per Fini, Casini e Berlusconi (tutti e tre divorziati).

IL CATTOLICO

family-day-striscione

Il continuo riferimento alla Bibbia è un approdo naturale per chi fa della fede religiosa una guida civica.

Il cattolico è determinato: tra Costituzione e Bibbia vince la seconda. Però di fare le valigie e trasferirsi nella nazione adatta (Città del Vaticano) proprio non ne vuol sapere. Lui vuole, pretende, che il viver comune di 60 milioni di italiani sia dettato dalle regole di un’istituzione religiosa che percepisce soldi pubblici italiani, che influenza l’educazione scolastica italiana, che non contribuisce alla collettività italiana pagando l’IMU ma sicuramente contribuisce al bene mondiale con tanti missionari in giro.

Non è la Chiesa ingiusta, sono gli italiani ad essere sfigati.

Non ci sono ragioni: il bimbo nasce da uomo e donna. Il bimbo deve avere mamma e papà. Un bimbo che ha due papà o due mamme sarà condannato ad una vita di inferni, crescerà male, molto probabilmente gay, quindi malato.

Applaude all’espressione di Papa Francesco “chi sono io per giudicare i gay“, perché  sa che al di là di questa frase, lo stesso Papa non farà nulla. Forza del Dio Marketing.

IL PREVISIONISTA

veggente

Questa figura è molto, molto interessante. Dotato di palla di vetro, sa già che se un bambino dovesse crescere con i genitori dello stesso sesso, diventerà gay. Una società di gay compromette il suo stesso futuro, per 2 valide ragioni:

– verranno a mancare i match tra spermatozoi e ovuli, quindi fine del mondo nel giro di poche generazioni

– ci saranno solo spermatozoi che andranno a fare in culo. Letteralmente.

L’EX BULLO

?????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

Il problema nell’avere due genitori dello stesso sesso è tutto lì: le prese in giro degli altri bambini.

L’ex bullo è molto preoccupato per la virilità compromessa del bimbo che si ritrova a giustificare il fatto che uno dei due papà fa un po’ la mamma.

Pensaci: un attimo prima stai giocando con i pupazzetti dei mostri inscenando combattimenti sanguinosi, in cameretta con il tuo amichetto, un attimo dopo arriva il tuo papà-mammo effemminato che ti porta la merenda…

INSOMMA…

CHE FIGURA DI MERDA!

IL CONCRETO

qualunquemente-4145

Questo profilo si addice a tutti coloro che rispondono con frasi standard ad ogni provocazione, non lasciando spazio a repliche:

“Perché i gay non possono sposarsi?”

Il Concreto: “Perché il matrimonio è tra uomo e donna”

“E dove è scritto?”

Il Concreto: “E’ così, punto. La natura.” 

“Quindi non possono avere neanche figli?”

Il Concreto: “Esatto. E’ così, punto. La natura.”

Davanti alla totale assenza di partecipazione al ragionamento, non resta che cambiare argomento.

IL MATEMATICO

resize.php

Questa forma di scienziato ha un totale disprezzo verso i gay. Essendo fan delle teorie di Archimede, nei suoi ragionamenti basa tutte le conclusioni su equazioni: se un uomo può sposare un altro uomo, allora può sposare anche una capra o un cane.

Perché è così che ragiona il matematico: il gay, questo individuo di merda messo giustamente agli angoli della società, è paragonabile ad una bestia.

L’ADOLFINO

bambola-di-hitler1

Dotato di baffetto e scarponi, accento tedesco, l’Adolfino ha un non so che di fastidio verso l’argomento. Non accetta il fatto che due omosessuali possano baciarsi in pubblico, quindi la sua soluzione è eliminare alla base il problema. La sua più grande tentazione è quella di creare luoghi dove poter permettere ai gay di baciarsi e creare famiglie: magari con dei bei pigiamini a righe e con delle docce comuni.

IL GIUSEPPE RUSSO

STALIN

Joseph per gli amici, Stalinuccio per la mamma, sa solo una cosa: per il bene del popolo, bisogna far sì che i maschi fecondino le donne. Lui è sì per la parità dei diritti, ma proprio per un concetto estremo di parità: lavoratori di tutto il mondo, non mettetelo nel culo a nessuno.

Chi sbaglia, sparisce dalla circolazione. Altro che matrimoni gay.

SILVIO L’ITALICO

Wh8iG

E’ contrario per un semplice motivo: ma come si fa a non andare a figaaaaaaaa!

CONCLUSIONI

Se davanti alla possibilità di riconoscere dei diritti a degli esseri umani come te sei contrario, avrai delle buone motivazioni.

Immagino ti sarai informato, avrai studi scientifici alla mano, esempi concreti.

Altrimenti, che dire, saresti in buona compagnia.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *